Scappo Di Casa

Ivan Graziani

Tom: D
Intro: D Bm7 

Verse 

     D                  A                     Bm 
Venti giorni di fuga e neanche un appello per radio 
    G                         Em                A 
evidentemente mia madre non è neanche una buona padrona 
  Em               G                 B           Em 
perfino per i cani smarriti si fanno appelli per radio 
   A                                     G                D 
ma io no non ho imparato a leccare bene la mano di chi mi da mangiare. 
  D                  A                     Bm 
E la mia cara mamma mi ha voluto grasso ed eunuco  
 G                         Em                A 
'Non andare con le donne' diceva 'hanno il demonio nel ventre  
Em               G                 B           Em 
io sarò la tua unica donna come il serpente che si morde la coda  
   A                     G                D 
l'ignoranza nel sesso è la base per vivere felici'  
   D                    A                 Bm 
Il dottore vicino di casa ammassava quattrini  
     G                         Em                A 
nel suo cappotto di cammello non c'era posto per la mia adolescenza  
 Em               G                 B           Em 
'Il ragazzo deperisce' diceva 'saranno gli esami di Stato'  
     A                                G                D 
ma la mia mente volava ogni giorno sulle gambe della segretaria di scuola.  


Instrumental   
   D  Bm7 


   D                  A                     Bm 
Venti giorni di fuga e neanche un appello per radio  
   G                         Em                A 
e in questo bar sotto casa io mi bevo il mio cappuccino  
 Em          G         B         Em 
liscio, liscio e il peccato marcisce  
    A                                     G                D 
nella mia cartella di foca tra le calze le mutande le scarpe e il dentifricio.  
         D                  A                     Bm 
Quella rossa che continua a fissarmi abbracciata al suo uomo  
    G                    Em            A 
sarà così che il diavolo le cova nel ventre  
   Em               G                 B           Em 
quasi, quasi le domando se è vero, non ci sarebbe niente di male  
    A                                  G                D 
'tra persone civili' come diceva la mamma 'ci si intende sempre'.  
   D                  A                     Bm 
E allora perché quel suo grosso individuo mi chiama balordo?  
   G                         Em                A 
Vuole spaccarmi la faccia se non mi tolgo fuori dai piedi  
   Em               G                 B           Em 
e intanto il padrone del bar vuole che paghi il mio cappuccino  
    A                                G                D 
mi coprirò con le braccia la testa come facevo da bambino.... 

Compartilhe esta música: novo

QR Code
Copiar